La parola del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

morale

27 agosto 2013
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: morale

Sillabazione: mo–rà–le
moràle / moˈrale/
[vc. dotta, lat. morāle(m), da mōs, genit. mōris ‘costume’, di etim. incerta 1268]
A agg.
1 che concerne il comportamento umano in relazione alla categoria del bene e del male: giudizio, precetto, massima, legge morale; progresso morale; le dottrine morali | senso morale, intima percezione di ciò che è bene o male | coscienza morale, consapevolezza del significato etico delle proprie azioni | responsabilità morale, relativa agli effetti del comportamento pratico | danno morale, V. danno (1) | ente morale, fondazione che persegue uno scopo non lucrativo
2 conforme ai principi di ciò che è buono e giusto: libro, discorso morale | castigato, non licenzioso: spettacolo morale | onesto, retto: è una persona morale
3 relativo al mondo dello spirito, della coscienza: forza, fiacchezza morale; mi ha dato un aiuto morale | scienze morali, le scienze filosofiche, giuridiche, storiche e sim., in contrapposizione alle scienze fisiche e matematiche | autorità morale, che deriva dalla stima o dall'affetto | certezza morale, basata più su intima persuasione che su prove materiali | (fig.) schiaffo morale, offesa, umiliazione bruciante | capitale morale di una nazione, la città più importante pur non essendo la capitale | vincitore morale, chi, in una gara e sim., è stato sconfitto pur avendo meritato di vincere
|| moralménte, avv.
1 secondo la morale: comportarsi moralmente
2 dal punto di vista morale: mi sento moralmente responsabile
3 relativamente al morale, alle condizioni psicologiche: è moralmente distrutto
|| moralità, s. f. inv. (V.)
B s. f.
1 parte della filosofia che studia i problemi relativi alla condotta dell'uomo SIN. etica
2 complesso di consuetudini e norme che regolano la vita pubblica e privata: morale individuale, collettiva; è un uomo senza morale
3 la morale della favola, l'insegnamento che si può trarre da un fatto o da un racconto: la morale della favola è che hai sbagliato tutto | morale della favola, (fig., anche scherz.) in conclusione: perciò, morale della favola, ho pagato tutto io
C s. m.
stato d'animo, condizione psicologica: avere il morale alto, alle stelle; essere giù di morale; avere il morale sotto i tacchi
 SFUMATURE
morale - deontologia - etica
Il complesso di consuetudini e norme che una persona o una collettività considerano come giuste e necessarie, e dunque accettano e propongono come modello da seguire nella vita pubblica e privata, in un'attività e simili si definisce morale. Il complesso dei principi morali e dei doveri inerenti a una particolare categoria professionale si dice invece deontologia. Un altro termine per identificare l'insieme delle norme di comportamento di un singolo o di un gruppo umano è etica. Nel linguaggio filosofico si tende a differenziare i due termini, preferendo il termine morale per indicare l'insieme di valori, norme e costumi di un individuo o di un gruppo, e riservando la parola etica alla speculazione filosofica sul comportamento umano, cioè alla morale intesa come disciplina.
SFUMATURE giusto (1)

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.