La parola del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

piedistallo / stallo

21 gennaio 2014
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: piedistallo / stallo

Sillabazione: pie–di–stàl–lo
piedistàllo / pjedisˈtallo/ o piedestàllo
[comp. di piede e stallo ‘appoggio’ av. 1290]
s. m.
elemento architettonico, talora interposto tra la colonna e il suolo, composto da una parte prismatica e da modanature inferiori e superiori | mettere qlcu. su un piedistallo, (fig.) idealizzarlo, esaltarlo | scendere dal piedistallo, (fig.) finirla con un atteggiamento di superiorità

Sillabazione: stàl–lo
stàllo (1) / ˈstallo/
[dal francone *stall ‘sosta, dimora’ (V. stalla) 1266]
s. m.
1 sedile di legno con braccioli e dorsale destinato spec. a persona importante | sedile, spec. con braccioli e dorsale, unito ad altri uguali e allineati su cui siedono le persone riunite a convegno | stalli da coro, di solito appoggiati con alti dorsali alle pareti delle chiese, spesso artisticamente decorati a intaglio e intarsio
2 luogo dove si dimora | (est.) sosta, indugio
3 ricovero per animali | ovile | ciascuno scomparto in una scuderia o una stalla
4 nel gioco degli scacchi, situazione del re che non può muoversi perché cadrebbe sotto scacco, mentre d'altra parte nessun altro pezzo è movibile | (fig.) situazione bloccata, apparentemente senza vie d'uscita: le trattative sono in una fase di stallo

Sillabazione: stàl–lo
stàllo (2) / ˈstallo/
[dall'ingl. stall, V. stallo (1) 1960]
s. m.
(aeron.) in un'aerodina, distacco della corrente del fluido dai piani portanti e spec. dall'ala, che si realizza quando si raggiunge l'incidenza critica, con conseguente caduta della portanza dell'ala, aumento della resistenza e, talora, caduta in vite del velivolo

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.