La parola del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

scuola

14 settembre 2015
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: scuola

   
Le definizioni d'autore dello Zingarelli

 
SILLABAZIONE: scuò–la
scuòla / ˈskwɔla/ o (lett., pop.) scòla
[lat. schŏla(m) ‘scuola’, dal gr. scholḗ ‘tempo libero, occupazione studiosa’, connesso con échein ‘intrattenersi’ sec. XII]
A s. f.
1 istituzione che persegue finalità educative attraverso un programma di studi o di attività metodicamente ordinate | scuola dell'infanzia (o scuola materna), quella per i bambini dai tre ai cinque anni | scuola primaria (o scuola elementare), quella per i bambini dai sei (con possibile anticipo ai cinque anni e mezzo) agli undici anni | scuola secondaria di primo grado (o scuola media), corso triennale tra la scuola primaria e la secondaria di secondo grado | scuola dell'obbligo, quella che ogni ragazzo, entro limiti d'età stabiliti dalla legge, è tenuto a frequentare, e che comprende la scuola primaria e la scuola secondaria | scuola secondaria di secondo grado (o scuola superiore), i licei e gli istituti tecnici o professionali | scuola verticale, verticalizzata, quella comprensiva di scuola primaria e scuola secondaria inferiore | scuola pubblica, quella che dipende direttamente dallo Stato | scuola pareggiata, parificata o paritaria, gestita da un ente privato che rilascia titoli legalmente riconosciuti | scuola privata, denominazione generica della scuola non pubblica, spec. quella gestita da un ente privato ma non abilitata a rilasciare titoli legali | scuola mista, quella frequentata da allievi di sesso sia maschile che femminile | scuola serale, quella frequentata da chi lavora durante il giorno | scuola speciale, quella che un tempo forniva educazione e istruzione ai bambini con handicap
2 insieme delle istituzioni scolastiche vigenti in un paese: urge una riforma della scuola; per molti la scuola italiana è arretrata
3 (est.) attività che ha per scopo l'insegnamento metodico di una disciplina, un'arte, un mestiere e sim.: frequentare la scuola; andare a scuola; fare, tenere, scuola; mettere qlcu. a scuola da un insegnante; mettere qlcu. alla scuola di un insegnante; compagno di scuola; scuola di taglio, di danza; scuola per traduttori; scuola di nuoto | scuola guida, autoscuola e (est.) l'insegnamento della guida automobilistica | oggi non c'è scuola, è vacanza | periodo di tempo durante il quale ha luogo l'attività della scuola: oggi ho tre ore di scuola; dopo la scuola andremo al cinema
4 sede in cui si svolge l'attività scolastica: accompagnare i bambini a scuola; in città c'è scarsità di scuole; la scuola è in via Castiglione | (est.) edificio scolastico: scuola vecchia, nuova, moderna; non scrivete sui muri nuovi della scuola; i bambini escono dalla scuola
5 complesso di insegnanti, alunni, e sim. facenti parte di una scuola: tutta la scuola è in festa; gita organizzata dalla scuola
6 (fig.) ammaestramento, pratica, esercizio: crescere alla scuola del dolore | ammonimento, esempio: questo ti serva di scuola; sotto la scuola della madre crescerà educato
7 insieme di poeti, artisti, filosofi, scienziati e sim., che seguono e sviluppano il metodo e la dottrina di uno stesso maestro: la scuola del De Sanctis, del Bartoli | insieme di poeti, artisti, filosofi, scienziati e sim. che seguono lo stesso indirizzo o metodo: i poeti della scuola siciliana; i medici della scuola salernitana | indirizzo seguito da un insieme di poeti, artisti, filosofi, scienziati e sim.: la scuola senese, fiorentina, hegeliana | fare scuola, (fig.) costituire un modello: non prevedevano che l'esempio avrebbe fatto scuola (R. Bacchelli) | scuola di pensiero, indirizzo filosofico o scientifico; (est., spec. scherz.) modo di pensare, opinione: su come cuocere la pasta esistono diverse scuole di pensiero
8 insieme dei discepoli di un grande maestro (anche spreg.): un dipinto di scuola; il quadro non è del maestro ma di scuola | (spreg.) si sente troppo la scuola, sa di scuola, e sim., di opera letteraria, artistica e sim., in cui l'originalità dell'autore non riesce a superare l'influsso dell'insegnamento
9 (sport) alta scuola, in equitazione, il complesso di esercizi o arie di alto grado di virtuosismo eseguiti da cavallo e cavaliere in perfetta e affinata sincronia | tecnica, addestramento, diretti a questo scopo
10 associazione, corporazione: scuola dei gladiatori | (spec. con iniziale maiuscola) a Venezia, nome di una confraternita e della relativa sede: Scuola di San Giorgio; Scuola grande di San Rocco
|| scuolàccia, pegg. | scuolétta, dim. | scuolìna, dim.
B in funzione di agg. inv.
(posposto a un sost.) che ha lo scopo di istruire, ammaestrare e sim.: cantiere scuola | (mar.) nave scuola, grande veliero impiegato per l'addestramento dei marinai, degli allievi ufficiali e sottufficiali della marina militare e mercantile; (fig., scherz.) donna che inizia un ragazzo alle prime esperienze sessuali | aereo scuola, a doppio comando per allievi piloti
 DEFINIZIONI D'AUTORE
A scuola i ragazzi arrivano e portano il mondo. Capita che sia ingiusto, diseguale, troppo ricco e troppo povero. Chi ha più di quel che si può e chi non sa come cominciare. La scuola dà un posto a ciascuno e protegge da offese ulteriori: almeno nelle aule il buon vivere civile deve essere quotidiano, e visibile. È un andar controvento. Ma i ragazzi sanno che è bello andare controvento. E a scuola si trovano le parole per leggere l'ingiustizia, e riconoscere il talento, esercitare il possibile che ci appartiene. A volte a scuola i ragazzi non arrivano, e allora bisogna sconfinare sulle strade. Lo dice la Costituzione, la scuola è il luogo delle opportunità per tutti. O è niente.
Mariapia Veladiano

 NOMENCLATURA
scuola tipi di scuola: pubblica (statale, provinciale, comunale, regionale) ↔ privata (pareggiata, parificata, paritaria = legalmente riconosciuta, scuola sussidiata), inferiore ↔ superiore, maschile ↔ femminile, mista = promiscua; obbligatoria = dell'obbligo; diurna ↔ serale, popolare, rurale ↔ urbana, laica ↔ confessionale, religiosa = ecclesiastica, parrocchiale; internazionale, europea; militare, carceraria; per corrispondenza, telescuola; a tempo pieno, modulare; scuola speciale, sperimentale, centocinquanta ore, tecnica, politecnica, normale; nido, scuola dell'infanzia = asilo d'infanzia = asilo infantile = scuola materna, scuola primaria = elementare, scuola secondaria = media, ginnasio, liceo (artistico, classico, delle scienze umane, economico, linguistico, musicale, scientifico, tecnologico) = scuola secondaria superiore = le superiori, istruzione o formazione professionale, istituto (magistrale = liceo delle scienze umane, d'arte, professionale, superiore di educazione fisica = ISEF, tecnico industriale, per geometri, per ragionieri, per segretarie d'azienda, per periti aziendali e corrispondenti in lingue estere, per il turismo, chimico, agrario, elettronico, elettrotecnico, odontotecnico, nautico, aeronautico), scuola d'arte, accademia di belle arti, accademia militare; conservatorio; scuola di lingue, scuola enologica, scuola alberghiera; corsi di specializzazione, università (popolare, della terza età), facoltà universitaria (scientifica, umanistica), seminario, politecnico, laurea breve, corsi parauniversitari, scuola di perfezionamento, corso di aggiornamento, master, stage, scuola di specializzazione, dottorato di ricerca; attività scolastiche: iscrizione, immatricolazione, numero chiuso, esame di ammissione, test psico-attitudinali, esame di idoneità, tasse di iscrizione, borsa di studio, anno scolastico, anno accademico, programma, programmazione didattica, trimestre, quadrimestre, semestre, orario, tempo prolungato, tempo pieno, modulo orario, monte ore, lectio brevis, intervallo = ricreazione, quarto d'ora accademico, corso (annuale, biennale), corso monografico, corso integrativo, corso di orientamento scolastico, prolusione, seminario, piano di studi, frequenza, frequenza obbligatoria, presenza, assenza (giustificata, ingiustificata), scrutinio, corso di recupero; lavoro di gruppo, lavoro interdisciplinare = interdisciplinarietà; insegnamento, materia = disciplina, lezione (lettura, spiegazione, pensierini, dettato, esercitazione), esercizi, studio, ripasso = ripetizione, riassunto, compito, problema, calcolo, soluzione, discussione, compito in classe - foglio protocollo, intestazione, brutta, bella copia -, tema - titolo, schema, svolgimento -, versione, traduzione, disegno, correzione, ricerca, esperimento, dubbio, domanda, apprendimento, verifica = interrogazione (dal posto, alla lavagna, orale, scritta, programmata), sessione di esami, appello, prova scritta, prova orale, colloquio, risultato, punteggio, voto, giudizio, sufficienza, insufficienza, condotta, richiamo, ammonizione, nota (sul diario, sul registro), sospensione, espulsione, riammissione, promozione, bocciatura; licenza elementare, licenza media, esame di maturità, diploma, tesi, relatore, correlatore, commissione esaminatrice, discussione, addottoramento, 110 e lode, dignità di stampa, esame di abilitazione, esame di Stato, di idoneità, di dottorato; assemblea, collettivo, attivo, regolamento scolastico, consiglio di classe, di interclasse, di istituto, rappresentante di classe (degli studenti, dei genitori), collegio dei docenti, incontri con i genitori = ricevimento parenti; autogestione, autonomia amministrativa, doposcuola, gita scolastica, titolo di studio, vacanze, compiti delle vacanze; persone: scolaro, alunno, studente, allievo, fuori corso, laureando, borsista, dottorando; maestro, insegnante, insegnante di sostegno, team, docente, professore (abilitato, di ruolo, supplente, titolare; di scuola media inferiore, superiore, universitario - associato, incaricato, libero docente, ordinario, fuori ruolo), cultore della materia; commissario d'esame, membro interno, presidente di commissione; direttore, direttore didattico, vicepreside, preside, direttore di dipartimento, rettore; ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, ispettore ministeriale; bidello, bibliotecario, segretario, tecnico, tecnico laureato; azioni: conseguire l'abilitazione all'insegnamento; insegnare, interrogare, tartassare, torchiare; giudicare = valutare, ammettere agli esami, promuovere, licenziare, diplomare, bocciare = respingere; adottare un libro di testo; dare ripetizioni; ascoltare, leggere, scrivere, capire, apprendere, imparare, imparare a memoria, recitare, calcolare, studiare, fare i compiti, essere impreparato, fare scena muta = non aprir bocca; frequentare, marinare = bigiare, chiacchierare, distrarsi, disturbare ↔ stare attenti, seguire, prendere appunti; andare a ripetizione.

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.