La parola del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

parola

16 ottobre 2017
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: parola

SILLABAZIONE: pa–rò–la SINONIMI
paròla / paˈrɔla/
[lat. parăbola(m). V. parabola (2) av. 1250]
s. f.
I insieme organico di suoni o di segni grafici dotato di un significato autonomo o di una funzione grammaticale CFR. logo-
1 termine o vocabolo, in quanto singolo elemento d'espressione: l'italiano è una lingua ricca di parole; una parola lunga, breve, semplice, composta, facile, difficile, letteraria, arcaica, disusata, nuova, errata, esatta | (ling.) parola macedonia o parola valigia, parola formata dalla fusione di due o più parole ridotte (per es. mapo, comp. di ma(ndarino) e po(mpelmo)) | nel vero senso della parola, secondo il suo preciso significato | nel senso più ampio della parola, nel suo significato più esteso | non capire una sola parola, nulla | dire qlco. in una parola, in due parole, (fig.) brevemente | in poche parole, per farla breve | basta la parola, si dice quando un solo vocabolo esprime compiutamente il senso di qlco. | parola per parola, letteralmente: riferire, tradurre, copiare qlco. parola per parola | giochi di parole, freddure e sim. | giro di parole, perifrasi | (fig.) mangiare le parole, pronunciarle male, a metà o sim. | parole in libertà, motto futurista che rivendicava l'assoluta libertà della lingua letteraria e della grafica artistica da ogni regola grammaticale o compositiva | (fig.) togliere, levare la parola, le parole, di bocca a qlcu., dire ciò che qlcu. stava per dire | (fig.) avere una parola sulla punta della lingua, saperla ma non riuscire a dirla per momentanea amnesia | questione di parole, solo formale
2 (spec. al pl.) frase, discorso, ragionamento e sim.: non capisco, non ricordo, non ho udito le vostre parole; parole magiche, insensate, ispirate, ambigue, audaci, offensive; parole d'ira, di rabbia, di gioia | parole sante!, (fig.) per riconoscere apertamente o sottolineare la giustezza di un'affermazione, di un'opinione e sim. | non avere parole, non trovare le parole, non riuscire a manifestare un sentimento, spec. per esprimere sorpresa, ringraziamento, scuse o sim. | non ci sono parole, la realtà è superiore a ogni possibilità espressiva | parole a caso, a vanvera, discorsi privi di senso | (fig.) parole di fuoco, accese da una passione: lo ha bollato con parole di fuoco | buone parole, gentili, affettuose | male parole, dure, offensive, sgarbate | parole grosse, ingiuriose e gravi | venire a parole, litigare | in parole povere, volendo dire le cose semplicemente, come stanno | rivolgere, muovere la parola a qlcu., parlargli | son corse gravi parole tra noi, vi sono stati gravi scontri verbali | scambio di parole, discussione o conversazione: un vivace scambio di parole; un breve scambio di parole | in altre parole, vale a dire, esprimendosi diversamente | parole di colore oscuro, frasi incomprensibili, sibilline | uomo di poche parole, scarso, avaro di parole, persona che parla poco | misurare, pesare le parole, fare molta attenzione a quello che si dice | (fig.) buttare, gettare, sprecare le parole, parlare inutilmente | (fig.) ricacciare in gola la parola a qlcu., costringerlo a scusarsi per le offese pronunciate | ritira la parola!, smentisci subito ciò che hai detto! | PROV. a buon intenditor poche parole, V. intenditore
3 (spec. al pl.) (est.) consiglio, insegnamento: ascoltare, ignorare, seguire le parole di qlcu.; son parole sagge, le sue, non dimenticarlo | la parola di Dio, i comandamenti dati da Dio e gli insegnamenti rivolti ai fedeli nella predicazione
4 espressione: con una sola parola ho messo tutti a tacere; non ha avuto una sola parola di pentimento | mettere, spendere una buona parola per qlcu., parlare con qlcu. in suo favore | metterci una buona parola, intervenire a favore di qlcu. o di qlco.: vedrò di metterci una buona parola | buttare lì una mezza parola, fare una velata allusione | (fig.) in una parola, per concludere | (fig.) è una parola!, è facile a dirsi, ma non a farsi | in parola, di cui si tratta: la persona, l'oggetto in parola | l'ultima parola, la frase conclusiva che chiude una discussione, risolve un problema, definisce una trattativa e sim. | non è detta l'ultima parola, la situazione non è ancora risolta, la decisione non è ancora stata presa: Non è detta l'ultima parola Io voglio pensarci… (I. Svevo) | parola d'ordine, quella usata per reciproco riconoscimento tra militari in particolari mansioni; (fig.) intesa o accordo in base al quale più persone tendono a uno stesso fine o motto che riassume l'essenza di un'azione comune; nelle biblioteche, la parola, costituita gener. dal cognome di un autore o stabilita secondo le regole di catalogazione, che viene scritta in testa alle schede bibliografiche allo scopo di ordinarle nel catalogo | (est.) contenuto concettuale del discorso, insegnamento contenuto in ciò che si dice: stando alla parola dei tecnici, la cosa è molto difficile; ascoltare, seguire la parola del maestro | Liturgia della parola, prima parte della Messa in cui viene proclamata la parola di Dio attraverso la lettura del Vecchio e Nuovo Testamento e l'omelia | di parola in parola, di argomento in argomento
5 nel gioco del poker, lo stesso che parole
6 (al pl.) chiacchiere, ciance: basta con le parole; da te non ho avuto altro che parole; a parole sembra tutto facile; ci pasce di speme e di parole (L. Ariosto) | essere buono, capace, abile e sim. solo a parole, vantarsi molto ma non fare nulla | belle parole, grandi promesse destinate a non essere mantenute, speranze che non si realizzeranno CONTR. fatto
7 (spec. al pl.) frase o discorso inutile, vacuo, inconsistente: mi ha sommerso sotto un mare, un diluvio, un'infinità di parole | quante parole!, quanti discorsi inutili | parole, parole, parole!, escl. spreg. con cui si è soliti sottolineare l'inutilità e la mancanza di idee che si cela dietro un discorso o uno scritto spec. lungo
II facoltà naturale dell'uomo di esprimersi parlando
1 favella: avere, perdere, usare la parola | il dono della parola, la capacità innata di parlare, o una grande facilità di espressione | restare senza parole, muto per stupore, sorpresa e sim. | gli manca solo la parola, di animale molto intelligente o di ritratto, dipinto o scolpito, particolarmente espressivo
2 facoltà di esprimersi, di parlare in un'assemblea e sim.: chiedo la parola; mi hanno concesso, negato la parola | la parola all'accusato, alla difesa, al contraddittore e sim., formula con cui si concede il diritto di parlare
3 atto del parlare: libertà di parola | prendere la parola, cominciare a parlare, spec. in pubblico | (fig.) troncare la parola in bocca a qlcu., interromperlo mentre parla
4 modo di parlare, forma del discorso: parola elegante, ricercata, rozza | avere la parola facile, essere eloquente
5 voce
III con valore più limitato e specifico
1 cenno, menzione: non una parola, mi raccomando! | fare, non fare parola (o parole) con qlcu. di qlco., accennare, non accennare con lui a un determinato argomento
2 intesa, spec. nelle loc. darsi la parola, accordarsi; passare la parola o passar parola, trasmettere a varie persone un ordine, una decisione, un avviso e sim.: stasera tutti in pizzeria, passa parola
3 promessa solenne, impegno verbale: ti do la mia parola che ciò sarà fatto, di risolvere la questione; la tua parola mi basta; non mi fido più della sua parola; mantenere la parola; mancare, venir meno alla parola | essere, non essere, mancare di parola, mantenere o no ciò che si promette | avere una sola parola, si dice di chi non modifica le proprie promesse | parola d'onore!, parola mia!, parola di gentiluomo! e sim., escl. con le quali ci si impegna a fare qlco. o si asserisce qlco. garantendo col proprio onore | sulla parola, fidandosi solamente dell'impegno verbale: prestare, dare qlco. sulla parola; ti credo sulla parola | prendere, pigliare in parola, fare affidamento sull'impegno di qlcu. ritenendolo impegnativo | (est.) impegno, trattativa: essere, entrare in parola con qlcu.; tenere qlcu. in parola | riprendersi, rimangiarsi la parola, annullare un impegno o interrompere una trattativa unilateralmente | restituire la parola, ridare libertà di pattuizione | mezza parola, pattuizione o trattativa ancora in corso, impegno non perfezionato
4 licenza, permesso: domandi parola di parlare (Dante) | ordine, comando
5 (inform.) unità base d'informazione costituita da un dato numero di caratteri che vengono trattati come un'unica entità, rappresentino essi un dato o un'istruzione di programma | parola chiave, nei sistemi di ricerca automatica dell'informazione, parola significativa in una frase che viene estratta dal contesto e usata come descrittore del documento
|| parolàccia, pegg. (V.) | parolétta, dim. (V.) | parolìna, dim. (V.) | parolóna, accr. (V.) | parolóne, accr. m. (V.) | parolùccia, (lett.) parolùzza, dim.

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.