La parola del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

occhio

15 marzo 2018
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: occhio

SILLABAZIONE: òc–chio SINONIMI
òcchio / ˈɔkkjo/
[lat. ŏculu(m), di orig. indeur. av. 1250]
s. m.
I in relazione alla sua natura e alle sue funzioni anatomiche e fisiologiche
1 organo della vista, diversamente complesso e strutturato negli Invertebrati e nei Vertebrati, costituito nell'uomo da una formazione sferoidale contenuta in ognuna delle cavità orbitarie del cranio CFR. oculo-, opto-, oftalmo-, -oftalmo | occhio composto, organo visivo degli Artropodi, formato da centinaia di ommatidi | occhio artificiale, protesi che sostituisce nell'uomo il globo oculare mancante | guardare con la coda dell'occhio, senza voltarsi, senza farsi notare | avere gli occhi, vederci benissimo | dove hai gli occhi?, (fig.) ci vedi o non ci vedi? | (fig.) avere gli occhi fuori dalle orbite, essere stravolto, infuriato e sim. | sbarrare, spalancare, stralunare gli occhi, aprirli completamente per meraviglia e sim. | avere ancora qlco. davanti agli occhi, ricordarla perfettamente | sfregarsi, stropicciarsi gli occhi, con la mano, in segno di sonnolenza, o quasi per accertarsi delle proprie facoltà visive davanti a cose incredibili | guardarsi negli occhi, fissarsi | cavarsi gli occhi, (fig.) stancarsi eccessivamente la vista leggendo e sim. | si caverebbero gli occhi, di persone che si odiano | in un batter d'occhio, (fig.) in un attimo | strizzare l'occhio, ammiccare | aprire gli occhi, sollevare le palpebre o svegliarsi; (fig.) accorgersi finalmente di qlco. | aprire gli occhi alla luce, venire al mondo, nascere | aprire gli occhi a qlcu., (fig.) metterlo al corrente di qlco. | a occhi aperti, (fig.) con grande attenzione | non riuscire a tenere gli occhi aperti, avere molto sonno | chiudere gli occhi, abbassare le palpebre; (est.) dormire; (est.) morire; (fig.) non volersi accorgere di qlco. | chiudere gli occhi a qlcu., (fig.) assisterlo in punto di morte e vederlo morire | chiudere un occhio, (fig.) passare qlco. sotto silenzio, essere indulgente | non potere chiudere occhio, soffrire d'insonnia | a occhi chiusi, (fig.) con tutta sicurezza | (fig.) guardare con tanto d'occhi, con estrema meraviglia | (lett.) dar d'occhio, ammiccare | come il fumo negli occhi, (fig.) di persona o cosa insopportabile, molesta | fino sopra gli occhi, (fig.) troppo, in modo o quantità eccessiva | (fig.) essere un pugno in un occhio, detto di ciò che è molto sgradevole a vedersi, di pessimo gusto, e sim.: quell'enorme edificio in cima alla collina è un vero pugno nell'occhio | (fig., fam.) avere gli occhi foderati di prosciutto, non rendersi conto delle cose più evidenti | avere gli occhi umidi (di pianto), portare i segni di un pianto recente | avere le lacrime agli occhi, essere sul punto di piangere | a quattr'occhi, in due, in tutta intimità | a vista d'occhio, molto rapidamente: il livello del fiume cresceva a vista d'occhio | occhio per occhio, dente per dente, formula secondo la quale la legge mosaica prescrive la legge del taglione
2 sguardo, vista: avere l'occhio annebbiato per la stanchezza | stare con gli occhi bassi, a terra e sim., con lo sguardo abbassato per vergogna e sim. | volgere, alzare gli occhi al cielo, lo sguardo verso l'alto per pregare e sim. | a me gli occhi!, formula con cui l'ipnotizzatore invita la persona che sta per sottoporre a ipnosi a fissarlo e a concentrare l'attenzione su di lui | (fig.) aguzzare gli occhi, cercare di vedere il meglio possibile | tenere gli occhi su qlcu. o su qlco., non distoglierne lo sguardo | dare nell'occhio, attirare l'attenzione | fare l'occhio a, assuefare la vista | salta agli occhi, (fig.) di cosa molto evidente | (fig.) a perdita d'occhio, fin dove può giungere lo sguardo | (fig.) non avere né occhi né orecchie, non voler vedere né udire | a occhio nudo, solo con lo sguardo, con la vista | a occhio, approssimativamente: così, a occhio, mancheranno cinque kilometri | (fig.) tenere, non perdere d'occhio, sorvegliare di continuo | gettare l'occhio, buttare l'occhio (o un occhio), (fig., colloq.) dare una occhiata rapida, quasi di sfuggita: Prende il Don Chisciotte … lo apre a caso, getta l'occhio su una pagina (L. Sciascia) | colpo d'occhio, veduta d'insieme, prima impressione | non credere ai propri occhi, essere stupefatti per ciò che si vede | gettare la polvere negli occhi, (fig.) ingannare con false apparenze | voler vedere con i propri occhi, volere constatare di persona | (fig.) a occhio e croce, all'incirca | (fig.) gettar l'occhio, dare un rapido sguardo | seguire con l'occhio, con lo sguardo | andare con l'occhio, percorrere con lo sguardo | (fig.) mangiarsi qlco. o qlcu. con gli occhi, riferito a cosa o persona che si apprezza oltremodo e si continua a guardare | (fig.) mettere gli occhi addosso, adocchiare e desiderare | avere un occhio di riguardo per qlcu., trattarlo con particolare favore | non levar gli occhi di dosso, guardare con insistenza | (fig.) costare un occhio (della testa), moltissimo, una esagerazione | PROV. lontano dagli occhi, lontano dal cuore, V. lontano; occhio non vede, cuore non duole, quel che non si sa non procura dispiacere
II considerato in relazione alle attività intellettuali o spirituali dell'uomo
1 (fig.) senso estetico, gusto del bello: una vista che rallegra, appaga, soddisfa l'occhio | (fig.) anche l'occhio vuole la sua parte, bisogna soddisfare anche le esigenze estetiche | (fig.) rifarsi l'occhio, gli occhi, rallegrarsi per qlco. di bello, di piacevole
2 (fig.) espressione, stato d'animo espresso dallo sguardo: occhi torvi, umili, feroci; mi guardava con occhi tristi, gioiosi, sereni | (fig., lett.) far l'occhio di triglia, guardare languidamente | (fig.) fare gli occhi dolci a qlcu., dimostrargli amore | (fig.) occhi che parlano, che riescono a esprimere molte cose | (fig.) parlare con gli occhi, far capire i propri desideri, sentimenti e sim. mediante l'espressione degli occhi | fare certi occhi, avere un'espressione molto intensa: la guardava con certi occhi che parlavano chiaro (I. Nievo)
3 (fig.) capacità di comprendere, capire, intuire, giudicare e sim.: gli occhi della mente, dell'intelletto, della fede; il suo occhio filosofico sa penetrare nell'intimo delle cose | occhio clinico, del medico capace di fare una buona diagnosi al solo esame visivo del paziente; (fig.) di chi sa riconoscere subito la natura o le cause di qlco. | (fig.) gli occhi del mondo, il giudizio del mondo, l'opinione pubblica | essere sotto gli occhi di tutti, essere evidente a tutti: le difficoltà del segretario sono sotto gli occhi di tutti | agli occhi dei profani, dei malevoli, secondo il giudizio dei profani, dei cattivi | nei suoi occhi, a suo giudizio | perdere il lume degli occhi, la capacità di ragionare per ira e sim. | (fig.) aver buon occhio, saper scegliere | che occhio!, che precisione, che abilità | vedere di buon occhio o di mal occhio, giudicare favorevolmente o sfavorevolmente | aver la benda agli occhi, (fig.) essere offuscato da passione e sim.
4 (fig.) attenzione: occhio alle mani, alle curve! | (fig.) essere tutt'occhi, fare grande attenzione | (fig.) aver l'occhio a tutto, fare attenzione a tutto | (escl.) occhio!, attenzione!
III con valore analogico
1 ciò che per le sue caratteristiche ricorda un globo oculare | occhio del ciclone, zona centrale di un ciclone tropicale, caratterizzata da venti deboli e da diminuzione della nuvolosità | essere, trovarsi nell'occhio del ciclone, (fig.) nel punto più critico, nella situazione più pericolosa e sim. | fagioli dall'occhio, con l'ilo che assomiglia a un occhio | occhi della patata, gemme che si trovano sul tubero, e servono per moltiplicare la pianta | occhi del brodo, chiazze di grasso sulla sua superficie | occhi del pavone, macchie sferiche di colore sulle penne della coda | occhio magico, particolare tubo elettronico, utilizzato spec. come indicatore luminoso di sintonia negli apparecchi radio, nei registratori e sim. | occhio di gatto, rifrangente di forma rotonda applicato a intervalli regolari sulla mezzeria di una strada per fare risaltare meglio, spec. nelle ore notturne, la linea di demarcazione dei due sensi di marcia
2 foro o apertura tondeggiante: il manico della padella ha un occhio per appenderla | occhio del martello, foro in cui entra il manico | occhio di un chiodo, nell'alpinismo, foro all'estremità di un chiodo in cui si infila il moschettone | occhi delle forbici, i due anelli per infilarvi le dita | occhi del formaggio, buchi nella pasta dell'emmental, del gruviera e sim. | (mar.) foro circolare od ovale generalmente praticato per il passaggio di cavi o catene | occhio di bigotta, per il passaggio del cavo | occhio di cubia, per il passaggio della catena dell'ancora | occhio di un cavo, cappio a forma anulare | filare per occhio, lasciare un ancoraggio abbandonando sul fondo l'ancora e la catena, manovra di emergenza cui si ricorre quando sia indispensabile far presto a partire
3 in tipografia, lettera o segno inciso a rovescio e in rilievo nella superficie superiore del fusto del carattere | occhio medio, la parte centrale di una lettera dell'alfabeto, aste ascendenti e discendenti escluse
4 (bot.) gemma | innesto a occhio, nel quale la marza è rappresentata da una gemma | occhio della Madonna, miosotide | occhio di cimice, di diavolo, adonide, fior d'Adone | occhio di bue, buftalmo
5 (zool.) occhio di pavone, farfalla le cui ali presentano quattro macchie simili a ocelli (Inachis io)
6 occhio di bue, in architettura, finestrino circolare od ovale sopra una porta, nel centro di una cupola e sim.; (est.) piccola apertura tonda od ovale praticata in una parete o in una porta; in marina, foro sulla murata o sul ponte, permanentemente chiuso da un robusto vetro per dar luce a un locale interno; in cinematografia, proiettore a fascio di luce concentrato adoperato per illuminare scene cinematografiche dall'alto in basso | (cucina) all'occhio di bue, detto di uova fritte in un tegame in modo che il tuorlo rimanga intero
7 occhio di pernice, nell'industria tessile, disegno di un tessuto a puntini chiari su sfondo piuttosto scuro; (est., pop.) formazione callosa delle dita dei piedi
8 (fotogr.) occhio di pesce, tipo di obiettivo grandangolare dotato di un angolo di campo molto grande SIN. fish eye
9 (miner.) occhio di gatto, occhio di tigre, varietà di quarzo di colore variabile dal grigio-verdastro al giallo, usate come gemme, caratterizzate dal fenomeno del gatteggiamento
|| occhiàccio, pegg. (V.) | occhièllo, dim. (V.) | occhiétto, dim. (V.) | occhìno, dim. (V.) | occhiolìno, dim. (V.) | occhióne, accr. (V.) | occhiùccio, (lett.) occhiùzzo, dim.
 NOMENCLATURA
occhio (cfr. vista, colore) caratteristiche: piccolo ↔ grande, a mandorla, incavato = infossato, segnato = pesto = gonfio = cerchiato = livido, sanguigno, rosso = arrossato = irritato, asciutto ↔ lacrimoso = lucido = lustro = umido, velato, cisposo, storto, guercio, stralunato, attonito, spiritato, fiero, ardente = acceso = fiammeggiante = iniettato di sangue, assassino; vigile = vivo = vivace = vispo ↔ spento = assonnato = pesante; espressivo ↔ inespressivo = fisso = immobile = vitreo = vacuo, artificiale; mite = mansueto, materno, paterno, dolce = innamorato = amoroso = languido = di triglia = seducente = ammaliatore, voluttuoso, avido, furbo, malizioso ↔ innocente = puro, gelido = duro = d'acciaio = pungente = acuto = penetrante ↔ imbambolato = smarrito = da pesce lesso, bovino; pietoso = supplice; chiaro = limpido ↔ cupo, sereno ↔ torvo = bieco = truce = grifagno; aperto = sgranato = sbarrato ↔ chiuso = semichiuso = socchiuso; nero, castano, marrone, nocciola, grigio, ceruleo, blu, cesio, azzurro, verde, cangiante; parti dell'occhio: globo = bulbo oculare, orbita sopracciglia, palpebre, ciglia; iride, congiuntiva, caruncola lacrimale, sclera, cristallino (accomodazione), retina, corpo vitreo, umore acqueo, nervo ottico; azioni: aprire, spalancare = sbarrare = sgranare = dilatare ↔ chiudere = serrare, tappare; strizzare, stralunare = strabuzzare; abbassare ↔ alzare, fare l'occhietto (o l'occhiolino), accennare = ammiccare, adocchiare = occhiare = occhieggiare; girare; stropicciarsi; lacrimare, bruciare; luccicare, brillare; togliere ↔ mettere le lenti a contatto, togliere ↔ mettere, infilare, inforcare gli occhiali; leggere, riposare, stancare, avere le occhiaie; inarcare = aggrottare le sopracciglia; battere le palpebre, fare gli occhiacci; anomalie: acoria, albinismo, afachia; esoftalmo, macroftalmia, ciclopismo (ciclopia), cheratocono, panno, trichiasi, ectoprion = ectropio ↔ entropion = entropio, glaucoma, nittitazione, nistagmo, albugine = leucoma, impressione entottica, oftalmia (congiuntivite, blefarite, cheratite, retinite, sclerite), distacco della retina, cataratta = caligine, ipoftalmia, cheratoplastica, cheratotomia, enucleazione, cispa, epicanto, orzaiolo, calazio, pterigio, stafiloma, cecità; oculistica: oculista; midriasi ↔ miosi; ottotipi, collirio, benda, occhiali (da vista, da miope, da presbite, da riposo, bifocali, da sole, da neve, subacquei, polarizzanti, da motociclista, a stanghetta, pince-nez, occhialetto = caramella = monocolo, binocolo, lenti, lenti a contatto = lenti corneali (dure o rigide, morbide, semirigide, colorate); persone: non vedente = cieco, guercio, strabico, miope, presbite.

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.