Questa sera, su Rete 4 ore 21:15, il Morandini vi consiglia: Debito di sangue


Debito di sangueBlood WorkUSA 2002GENERE: Poliz. DURATA: 110′ VISIONE CONSIGLIATA: TCRITICA: 3,5 PUBBLICO: 3REGIA: Clint EastwoodATTORI: Clint Eastwood, Jeff Daniels, Wanda De Jesus, Tina Lifford, Paul Rodriguez, Dylan Walsh, Anjelica Huston
Colpito da infarto durante l'inseguimento di un serial killer, l'anziano detective Terry McCaleb va in pensione, ma si rigenera con un trapianto del cuore, ricevuto da una ragazza messicana uccisa in una rapina. L'involontario debito di sangue lo induce a riprendere le indagini su un assassino periodico che sembra avere stabilito con lui un perverso rapporto di complice familiarità. Colpo di scena finale. Da un best seller di Michael Connelly, sceneggiato da Brian Helgeland, Eastwood ha cavato, in coerenza al suo cinema di classica trasparenza, un poliziesco che seppellisce la vecchia immagine di reazionario e violento fautore della giustizia sommaria, legata al personaggio dell'ispettore Callaghan. Senza proclamarlo dal balcone, il suo è un film profondamente etico contro il razzismo che rimanda “alla consapevolezza di un intellettuale bianco … del ‘debito’ materiale, culturale e morale verso la compagine messicana, e non solo, dentro l'intera e variegata società statunitense, di cui il film si fa emblematicamente carico” (A.G. Mancino). “Chi ha più di 70 anni ha sempre ragione” sostiene una vispa vecchietta in Silence… on tourne di Y. Chahine. È un paradossale elogio dell'alta età che si addice al produttore/regista/attore Eastwood, classe 1930.
AUTORE LETTERARIO: Michael Connelly