La parola di oggi è: forsennato

SILLABAZIONE: for–sen–nà–to SINONIMI
forsennàto / forsenˈnato/
[part. pass. di un ant. forsennare ‘uscire di senno’, dal fr. ant. forsener, comp. di fors ‘fuori’ e sen ‘senno’ av. 1294]
A agg. e s. m. (f. -a)
che (o chi) è fuori di senno, e si comporta quindi in modo violento e furioso: sembrare, parere un forsennato; comportarsi, gridare come un forsennato; si morse le mani come un forsennato (I. Svevo)
B agg.
convulso, frenetico: i lavori procedono a un ritmo forsennato
|| forsennataménte, avv.
 SFUMATURE
forsennato – dissennato – delirante
Chi è fuori di senno, e si comporta in modo violento e furioso si definisce forsennato. Dissennato è invece chi si comporta in modo irragionevole, incoerente e illogico, ma senza abbandonarsi a comportamenti aggressivi o violenti. Delirante definisce in senso proprio chi si trova in uno stato di grave alterazione mentale caratterizzato da allucinazioni visive e agitazione motoria; correntemente il termine si riferisce a chi è irragionevole, frenetico, esaltato.