mecenàte / metʃeˈnate/
[vc. dotta, lat. Maecenāte(m) ‘G. Mecenate’ (70 ca.-8 a.C.) amico di Augusto, protettore di Virgilio e Orazio; n. di orig. etrusca 1374]
A s. m. e f.
(per anton.) munifico protettore di artisti, poeti e sim.: mecenate … che si dilettava … di poesia (G. Vico)
B anche agg.: principi mecenati