L'album della settimana

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Radiohead | Kid A (2000)

15/03/2013
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Venuto alla ribalta in piena era Brit Pop, presto il quintetto composto da Thom Yorke (1967), i fratelli Jonny e Colin Greewood (1971 e 1969), Ed O'Brien (1968) e Phil Selway (1967) si è rivelato capace di riscrivere radicalmente le regole del gioco, diventando una delle band più importanti del pianeta. Quella dei Radiohead è un'avventura che, come poche altre, in tempi recenti è riuscita a cambiare il volto del Rock con un approccio artistico comune soltanto a pochi altri gruppi, Genesis, Talking Heads, David Bowie e Pink Floyd. Costantemente in bilico tra ricerca espressiva, contaminazione dei generi ed esplorazione della forma canzone, i loro lavori hanno segnato indelebilmente gli ultimi due decenni di musica contemporanea. Importanti anche i segnali inviati con la distribuzione della loro musica al di là dei canali commerciali tradizionali.

 

Kid A
Parlophone, 2000 – ★★★★★

Chissà in quanti avrebbero scommesso in un altro fulminante capolavoro dopo Ok Computer. I Radiohead accantonano le chitarre e i ruoli convenzionali all'interno della band, si chiudono in studio da pazienti alchimisti e infine spiazzano tutti con queste 10 canzoni che inaugurano idealmente il millennio e si pongono come irrinunciabile pietra di paragone per tutto il Rock a venire. Rock in senso lato, ovviamente, perché Kid A è un mutante fatto di Elettronica, Krautrock, Avanguardia, Ambient, Jazz. Solo due episodi (How To Disappear Completely e Motion Picture Soundtrack) richiamano il passato, mentre Idioteque, The National Anthem, Everything In Its Right Place e Morning Bell sono il portale d'accesso a un nuovo universo. Il mondo recepisce (primo posto nella classifica di Billboard) e acclama Yorke e soci. Giustamente.

 

Canzone: Idioteque

Who's in a bunker?
Who's in a bunker?
I have seen too much
I haven't seen enough
You haven't seen it

 

Piattaforma Spotify:

Piattaforma Grooveshark:

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.