Scritture creative

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Scrivere giorno dopo giorno. Il diario

1 novembre 2012
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Nelle sue Ricerche filosofiche, Wittgenstein afferma che «immaginare un linguaggio significa immaginare una forma di vita». Perciò scrivere è a tutti gli effetti il progetto di una forma di vita, e questo in special modo nel diario in quanto atto primario di registrazione di fatti, esperienze, pensieri.

Fermare su una pagina opinioni, giudizi e critiche, portare allo scoperto gioie e disperazioni, rivelare desideri e delusioni, ammettere errori e debolezze: al diario affidiamo una parte di noi stessi, spesso segreta, per far sì che essa non vada persa nel tempo, forse per consegnarla un giorno ai nostri cari. È per questo che anche la scrittura di un diario necessita di una propria forma e un proprio stile. In Scrivere giorno dopo giorno Christian Schärf, professore di letteratura e scrittura letteraria all'Università di Hildesheim, ci accompagna nella lettura dei diari di grandi scrittori, opere con intenti e stili molto vari: dall’enigmatica spontaneità di Kafka alla cronaca pedissequa di Thomas Mann, dalle liste personali di Susan Sontag all’implacabile autocritica di Pavese, dalle angosce di Sylvia Plath ai sogni di Adorno.

Il libro è di 160 pagine ed è diviso in 24 brevi capitoli. Ogni capitolo tratta un sottogenere attraverso gli esempi illustri dei diari tenuti dai più grandi scrittori della letteratura mondiale di ogni tempo. Ognuno potrà calibrare il proprio modo di intendere e redigere un diario: si può scrivere per custodire uno spazio interiore, per comprendersi, ma anche, al contrario, per allontanarsi da sé. Anche se nella gran parte dei casi chi tiene un diario lo fa solo per se stesso – per ritagliarsi un momento all’interno della giornata, o anche solo per il piacere puro e semplice della scrittura – questo manuale vi aiuterà a farlo nel migliore dei modi: il vostro. Non importa se avete la tendenza a perdonarvi un po’ troppo oppure siete assolutamente inclementi con voi stessi come ad esempio lo era Tolstoj. L’importante è partire con il piede – e il taccuino – giusto.

 

Scarica e consulta l'indice

Scarica e leggi un capitolo

 

Acquista online

Commenti | Una risposta

  1. Pingback: La scrittura prima della scrittura | Scritture creative | Zanichelli Dizionari più

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.