La parola al traduttore

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

«Kùlare»

23 novembre 2011
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail
Print Friendly

 

Difesa a zona - copertinaTradurre dal greco pone al traduttore una serie di problematiche che hanno a che fare, sostanzialmente, con la diversa “pasta” della lingua letteraria greca rispetto a quella italiana che vorrei condensare in un concetto, quello di icasticità: una particolare immediatezza, un’espressività, e un tratto particolarmente popolare che non sono comuni nell’italiano letterario.1
Come l’italiano, però, anche il greco subisce la forte pressione delle altre lingue, in particolare dell’inglese, e tende ad assorbire i prestiti inserendoli nella sua morfologia, creando così parole nuove che hanno una radice straniera e una flessione greca. Un po’ quello che facciamo in italiano con aggettivi quali “shakespeariano” o “manageriale” o verbi come “shakerare” o “implementare”.
Ed è proprio un verbo che mi ha creato qualche problema traducendo il romanzo che poi è uscito in Italia con il titolo Difesa a zona. Trovavo infatti un imperativo: Κούλαρε! che non avevo mai sentito. I vocabolari non mi aiutavano e, in quel tempo (eravamo nel 2001) non c’era ancora, per il greco almeno, quella straordinaria ricchezza di fonti, specialmente per i termini popolari, che è Internet (per quanto, ovviamente, richieda grande attenzione e capacità critica). Cosa poteva voler dire “kùlare”?
Brancolavo nel buio, lo ammetto: ho pensato al greco antico, al turco o a qualche lingua slava di cui, in effetti, esistono nel greco moderno molti prestiti; ho pensato anche all’italiano, in particolare termini marinareschi o commerciali. Ma non riuscivo a venirne a capo.
Finché, parlando con un mio amico che abita in Grecia ho scoperto l’arcano. Si tratta, effettivamente, di un imperativo, ma il verbo “kulàro” deriva dall’espressione inglese cool e significa “calmarsi”, “non agitarsi”. To cool down, insomma.
A quel punto, il problema è diventato “come tradurre” in italiano questo anglismo. Non sono riuscito a trovare, infatti, un corrispettivo italiano, un anglismo che fosse entrato nell’uso comune. E allora ho provato diverse ipotesi, dalla più audace: “Ehi, coolati!”, alla più tradizionale “Ehi, calmati!”, finché ho scelto per “Ehi, stai cool, non ti agitare!” Che è una scelta su cui si può discutere, naturalmente, ma che è un esempio di quella “negoziazione” che, come nota Umberto Eco, è alla base di ogni (buon) lavoro di traduzione.
1 Andrea Di Gregorio, “Icasticità del greco. Un confronto con l’italiano”, in Aspetti formali del testo nella letteratura neogreca, Atti del VII Convegno Nazionale di Studi Neogreci, Cafoscarina, Venezia 2009.

© Andrea Di Gregorio

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.