The Word of the Day

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

to dismiss

1 maggio 2012
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

to dismiss /dɪsˈmɪs/
A v. t.1 congedare; mandare a casa: The whole class was dismissed early, tutta la classe è stata congedata in anticipo; to dismiss an assembly [a government], sciogliere un'assemblea [un governo]; to dismiss an army, congedare un esercito2 licenziare; destituire (da un incarico): He was dismissed for persistent lateness, è stato licenziato per i continui ritardi; He was dismissed from his post after only 6 months, è stato dimesso dal suo incarico dopo soli sei mesi; to be unfairly dismissed, essere licenziato senza giusta causa3 (mil.) destituire; rimuovere dal grado: to dismiss an officer, destituire un ufficiale4 respingere; dichiarare infondato (un'accusa, un timore, ecc.): Her suggestion was dismissed as impractical, la sua proposta è stata respinta in quanto inattuabile; She considered running away, but dismissed the thought immediately, ha considerato la possibilità di scappare, ma ha subito scartato l'idea; The health spokesman dismissed fears of an epidemic, il portavoce del ministero della salute ha dichiarato infondati i timori di un'epidemia; to dismiss st. from one's mind, scacciare qc. dalla mente5 (leg.) rigettare; archiviare: to dismiss a bankruptcy petition, rigettare un'istanza di fallimento; to dismiss a case, archiviare una causa (o un processo); to dismiss a charge, pronunciare un non luogo a procedere6 (cricket) eliminare (un battitore, una squadra)
B v. i.(mil.) rompere le righe: Dismiss!, rompete le righe!

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.