Critico

Il critico è un voyeur: solo, al buio, davanti a una grande finestra spia la vita altrui. La condizione del critico è come quella di un eunuco nell’harem: passa il tempo a contemplare quel che gli è precluso e proibito (E. Kazan). Il critico deve sapere di letteratura, teatro, arte, musica, ed è un parassita: la base del suo lavoro è quel che per la maggior parte degli altri è uno dei modi di occupare il tempo libero. Il suo primo dovere è di non adeguare (o adattare) al suo livello le opere di cui parla. Lo scrivere facile (divulgare semplificando) non è l’equivalente dello scrivere chiaro (raccontare spiegando, andando in profondità). Meglio se sbaglia per generosità che per avarizia, per eccesso di immaginazione che per miopia.

Morando Morandini, critico cinematografico

 

Clicca qui per scoprire le altre definizioni d’autore.

Trovi tutte le definizioni d’autore sul vocabolario della lingua italiana Zingarelli.