La parola di oggi è: avaler


avaler /avale/
v. tr. (coniug. 3 aimer)1 inghiottire, ingoiare, mandare giù: j’ai eu du mal à avaler la soupe, ho fatto fatica a mandar giù la minestra; avaler sans mâcher, inghiottire senza masticare; j’ai avalé de travers, mi è andato di traverso; (fig., fam.) avaler sa rage, ingoiare la rabbia; (fig., fam.) c’est dur à avaler!, è dura da mandare giù!; (fig., fam.) j’avalerais la mer et les poissons, ho una sete che non ci vedo più; (fig., fam.) avaler sa salive, trattenersi dal dire qc.; (fig., fam.) avaler sa langue, stare zitto; (fig., fam.) tu as avalé ta langue?, hai perso la lingua?; (fig., fam.) avaler des couleuvres, ingoiare un rospo; (fig., fam.) avaler la pilule, ingoiare un boccone amaro; (fig., fam.) avaler son extrait, son acte, son bulletin de naissance, tirare le cuoia; (fig., fam.) il a l’air d’avoir avalé sa canne, son parapluie, sembra che abbia ingoiato un manico di scopa (fig.) le distributeur a avalé ma carte bleue, il bancomat si è mangiato la mia carta2 (fam.) mangiare: nous avons juste le temps d’avaler quelque chose, abbiamo appena il tempo di mangiare un boccone il avale ses mots en parlant, si mangia le parole parlando3 (fam.) bere: avaler d’un seul trait un verre de vin, bere d’un fiato un bicchiere di vino (fig.) il avale tout ce qu’on lui dit, beve tutto ciò che gli si dice; tu ne me feras pas avaler ça!, non me la dai a bere!4 (fam.) divorare: il passe son temps à avaler des romans policiers, passa il tempo a divorare gialli.


FALSI AMICI

avaler non significa avallare. Deriva da à val e non ha nulla a che fare con aval (italiano avallo, dall’arabo hawâla). Il suo senso originario è () descendre rapidement e, per estensione, () ingurgiter e persino () dévorer. In un uso molto elevato, può assumere il significato di () dissimuler.