La parola di oggi è: candide / Candide

candide (1) /kɒ̃did/
agg.candido: âme candide, anima candida.

Candide (2) /kɒ̃did/
A n. proprio m.Candido
B n. proprio f.Candida.
NOTE DI CULTURA: Nel 1756 Voltaire (1694-1778) aveva scritto un amaro commento al terremoto di Lisbona del 1755, scagliandosi per così dire contro la cecità della natura. Non è certo una posizione di “ottimismo filosofico”, che anzi Voltaire prende di mira nel celebre romanzo Candide ou l’Optimisme (1759). Questa volta l’avversario non è la natura, ma il pensiero di Gottfried Wilhelm von Leibniz (1646-1716). Le parole “ottimismo” e “pessimismo” sono ingannevoli. In ballo c’era in realtà l’idea della teodicea, cioè della giustizia e della provvidenza di Dio nel mondo (natura e storia), ancora sostenuta da Leibniz (1710). Voltaire la critica, verso la fine del secolo Kant la liquida.