WordWatch

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

greenlight

24/11/2015
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

greenlight – verbo transitivo

 

It’s getting harder and harder to convince studios to greenlight completely original projects.

 The third movie in the series is expected to be greenlit any day now.

 The operation was greenlighted by the President himself.

 

Il verde è universalmente riconosciuto come segnale di via libera, così come il rosso significa ‘alt’, ‘stop’; dunque l’espressione to give something the green light vuol dire dare l’OK a qualcosa, mentre to get o to be given the red light il contrario.

 

The local council has given the green light to the new hotel in the hope that it will provide jobs for local people.

The plan got the red light from the federal government back in March.

 

In inglese, uno dei modi più comuni per creare nuovi significati è di partire da una parola esistente e cambiarne la funzione grammaticale. Data la simbologia universale dei colori verde e rosso era forse inevitabile la trasformazione di greenlight da sostantivo a verbo, che possiede inoltre il vantaggio della brevità: dire ‘the project is being greenlit’ è innegabilmente più breve che dire ‘the project was given the green light’. Finora non ci sono testimonianze dell’uso di redlight come verbo, ma è solo questione di tempo.

 

Origini del termine

 

La culla di greenlight come verbo pare sia stata l’industria cinematografica per riferirsi al ‘via libera’ concesso a un progetto consentendone così lo sviluppo fino alla produzione. Negli Stati Uniti il termine è diventato d’uso comune anche grazie al talent show televisivo Project Greenlight (trasmesso originariamente nel 2001 e rilanciato di recente) nel quale registi esordienti competono per vincere la possibilità di realizzare un film con l’aiuto di Ben Affleck, Matt Damon e altri professionisti del settore.

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.